IL TEATRO DI CARTA

presenta

IL MAESTRO E MARGHERITA

drammaturgia di marco m. pernich
su testi di M.A. Bulgakov, P. Bignami, A. Villa, F. Contini, R.Rossi, B.del Basso

In occasione del Plenilunio di Primavera di un anno degli anni ‘30 del Novecento il Diavolo compare
nella Mosca sovietica e atea da poco uscita dalla rivoluzione.
Porta lo scompiglio il caos la morte. Porta anche una sarabanda di avvenimenti surreali e comici
misteriosi e drammatici finché una donna Margherita non viene invitata al Ballo del Plenilunio di
Primavera. Margherita scontenta moglie di un alto funzionario accetta perché spera di ritrovare così il
suo amante il Maestro scomparso da molti mesi dopo che il suo Romanzo su Pilato è stato rifiutato dalla
censura bigotta del Massolit -Unione degli Scrittori Proletari. Il Maestro si è rifugiato in manicomio
come uno starets moderno che invece che in un monastero si ritira in un altro luogo separato dal mondo.
Qui incontra l’ex-Poeta Ivan Bezdomnij (=senza casa) anche lui censurato dal Massolit ma soprattutto
rinchiuso in manicomio perché sostiene di aver visto il Diavolo. Ma Ivan dice la verità. Ivan diviene così
discepolo del Maestro e testimone della storia. E a posteriori ce la racconta. Perché la storia porta con sé
un senso misterioso e sfuggente racchiuso nella frase di Goethe “Io sono parte di quella forza che
eternamente vuole il male e eternamente opera per il bene”.

Lo spettacolo è la messa in scena del romanzo -o meglio dei tre romanzi che sono nel romanzo: il
Romanzo del Diavolo a Mosca; il Romanzo di Margherita; il Romanzo di Pilato. Il Maestro eroe eponimo
del libro è il catalizzatore ma non il protagonista di ciò che si racconta -ennesimo mistero di questo libro
insondabile. È una messa in scena dichiaratamente ingenua la cui cifra è la carta: come se le pagine del
libro diventassero scenografie e il racconto fosse un fumetto o una graphic novel.

Lo spettacolo fa parte del progetto Voland-19 che in tre anni di lavoro ci ha condotto a esplorare il
romanzo in tutte le direzioni. Il risultato sono due spettacoli: questo -percorso di formazione teatrale e
umana oltre che di produzione di spettacolo- fatto con gli allievi di STN-Studionovecento; un altro -che
debutterà a fine aprile- fatto con la Compagnia -e completamente diverso.

Con: Ailin Allegra Andrea B. Andrea P. Bianca C. Bianca dB. Cristina Daniele Domenico Elena Elisa
Giacomo Isabel Leonardo Lorenzo
Messa in Scena: marco m. pernich
Scene: Bianca Cerro Ailin Tracchia e il Laboratorio di Scenografia di STN
Costumi: Cristina Vaciago e il Laboratorio di Sartoria di STN

presso Sala Prove di STN-Studionovecento
v. F.L. Menabrea 27 MILANO

Venerdì 6 Maggio ore 21:30
Domenica 8 Maggio ore 21:00
Mercoledì 11 Maggio ore 21:30

ingresso libero con prenotazione nominativa e green-pass obbligatorio
info e prenotazioni : organizzazione@studionovecento.com
STN propone un baratto culturale: noi vi regaliamo la stria voi se volete regalateci
qualcosa: un manoscritto un manufatto o qualsiasi altra cosa vogliate